Il telefono squilla. “Sindaco buongiorno”. Sara Casanova, primo cittadino di Lodi, leghista, risponde ma va di fretta. Solo il tempo per chiederle se sulla vicenda della mensa scolastica negata ai figli di genitori extracomunitari ha cambiato idea. “Nessun cambiamento di rotta, ora mi scusi ho due riunioni di fila”. Nel pomeriggio chiamerà il suo ufficio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Per i 58 salvati dall’Aquarius accordo a cinque senza Italia

prev
Articolo Successivo

Il giorno di Foa: processo in Vigilanza, poi presidente

next