Per Matteo Salvini è il momento in cui mesi di propaganda su navi e migranti si trasformano in qualcosa di concreto (“dalle parole ai fatti”): il decreto legge omonimo, prima bandiera dei 115 giorni di egemonia leghista nel governo gialloverde. In verità nelle nuove norme non paiono esserci svolte epocali, come ci si poteva aspettare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Decreto sicurezza e migranti, “recepiti” i paletti: la tregua armata tra Lega e Quirinale

prev
Articolo Successivo

Gli “effetti del Capitano”: oltre 130 mila irregolari in più

next