Noi apprezziamo la determinazione di Ignazio Visco. A capo di una società specializzata in fusioni e acquisizioni, un tempo nota come Banca d’Italia, ha attraversato in un decennio una serie di fallimenti che avrebbero stroncato chiunque: non lui, detto governatore per antico vezzo. Ieri, per dire, se n’è andato su quel ramo del lago di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dacci oggi il nostro Superman

prev
Articolo Successivo

Dacci oggi il nostro Superman

next