Chiede Lilli Gruber: “Il Sudtirolo fu quindi, come ritengono diversi storici e testimoni, un laboratorio per la strategia della tensione?”. Giorgio Napolitano annuisce: “Questo credo sia fondato dirlo, perché in nessun altro punto d’Italia si sfidò l’autorità dello Stato, l’ordine pubblico e qualsiasi principio di sicurezza, anche per le vite dei cittadini. Lì fu il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“I funerali rossi di Volonté, le lacrime di Mastroianni e poi quelle foto della Muti”

prev
Articolo Successivo

Dacci oggi il nostro Superman

next