Dialogo tra due uomini, un ingegnere anziano e un avvocato giovane, alle ventitreesima fila dell’area coperta Carlo Magno. È la festa di Atreju, cioè i sovranisti di Giorgia Meloni, all’Isola Tiberina di Roma. I due dopo aver parlato di appalti, consulenze e difficoltà nel fare il “nero”, il “black” per la precisione, si concentrano finalmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, ora Salvini va allo scontro con il Quirinale

prev
Articolo Successivo

Martina va dai bersaniani, ma tutti ancora pensano a Renzi

next