L’ex bad boy dell’Eliseo, Alexandre Benalla, sembrava un agnellino davanti ai senatori della commissione parlamentare che lo hanno interrogato ieri per più di due ore. Si è anche scusato con loro per averli insultati alcuni giorni fa, quando gli è arrivata a casa la convocazione per testimoniare al palazzo del Luxembourg, che non si aspettava. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tra Trump e Putin è scoppiata anche la guerra del rumore

prev
Articolo Successivo

Il #MeToo del panino: uno sciopero fast-food

next