L’intransigenza tedesca non prevede che un capo dei servizi segreti metta in discussione la tenuta del governo, soprattutto se la Große Koalition ha giù i suoi problemi a stare in piedi. Così ieri, dopo una serie di riunioni, è stata annunciata la rimozione dall’incarico del capo del servizio di intelligence interna BfV, Hans-Georg Maassen. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Yemen, conflitto per procura: tre anni di carneficina invisibile

prev
Articolo Successivo

Bibi e Putin, guerra e pace in Siria

next