All’alba del 10 luglio 1943 al largo delle coste meridionali della Sicilia apparve la flotta alleata: cominciava così Husky, una delle più grandi operazioni anfibie della Seconda guerra mondiale con la sua imponente formazione da sbarco tra 180.000 uomini, 600 carri armati e 1.000 cannoni e 3.700 aerei da caccia e da bombardamento tattico, (…) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Appia scordata e senza fondi. La Grande Bellezza è perduta

prev
Articolo Successivo

Douglas Costa sputa ma Zago fece meglio

next