Lo scontro era iniziato mercoledì, a Vienna e ieri c’è stato il secondo capitolo tra il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn e il ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini. “Usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta” ha detto Asselborn. Il ministro lussemburghese è tornato a parlare del video del suo diverbio durante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Italiani del Sud “invasori” al Nord e all’estero. Così scappa il futuro del Mezzogiorno (che si svuota in silenzio)

prev
Articolo Successivo

La “pace fiscale” della Lega è un condono continuato

next