Giornata lunga sull’asse Bruxelles-Roma. Se il governo italiano sta iniziando a impostare la trattativa con l’Europa sui margini della manovra di Bilancio, le premesse non sono incoraggianti: prima il commissario (francese) agli Affari europei Pierre Moscovici, poi il presidente della Bce Mario Draghi hanno sganciato due siluri sui rapporti con i leader dell’esecutivo pentaleghista. Moscovici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Non sapevo di essere vittima di un reato, adesso resto in Italia per avere giustizia”

prev
Articolo Successivo

Deficit e M5S, ecco cosa chiedono i mercati

next