Finanziamenti insufficienti, scarse figure professionali e tutele limitate: i parchi e le aree protette, marine e non, nazionali, non se la passano bene e a dirlo è chi ci lavora. I dati, anonimizzati e raccolti con un questionario, sono nel rapporto Wwf Italia presentato ieri a Roma. La gestione delle aree verdi zoppica. I numeri. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Copyright, oggi si vota in Ue Scontro tra Google ed editori

prev
Articolo Successivo

Il rischio: la finanza creativa può aggirare le nuove regole

next