Che belle le vecchie, care cose del passato! Certi vi si rifugiano come in una nuvola di pane fatto in casa e profumo della nonna. C’è un inconveniente, però, in questa pratica cara a generali in pensione, vecchie zie, alti prelati e al presidente Consob: si rischia di esagerare. Prendiamo Mario Nava. Uomo di buon […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Lolita” fu Sally: il caso che ispirò Nabokov

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next