In trappola, in attesa di un destino segnato. Vivere e morire a Idlib, l’enclave nel nord della Siria, al confine con la Turchia: “Chi può cerca di scappare – racconta Mohamed Hanora, residente ad Azzaz, cittadina del territorio provinciale di Idlib –, ma non c’è scelta. Siamo sotto la tutela della Turchia, ma passare di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I tre “cattivi” invitano l’Occidente al banchetto

prev
Articolo Successivo

Starbucks a Milano, mia nonna con la moka la faceva più semplice

next