È assai raro per un artista essere insieme un visionario progettista di grandi architetture pittoriche e un miniaturista di perfetta concisione. Eppure ne è un esempio Marc Chagall (Vitebsk, 1887 – Saint-Paul-de-Vence, 1985) capace di affrescare tanto la volta della cupola del Teatro dell’Opéra di Parigi (220 mq) e realizzare grandi vetrate (per le Cattedrali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vita luminosa dietro le sbarre

prev
Articolo Successivo

Contro gli omicidi, il materialismo investigativo di Marx ed Engels

next