L’operazia è finita. I servizi segreti russi, in collaborazione con quelli argentini, hanno arrestato i trafficanti. Centinaia di chili di cocaina bruciano nel crematorio di Buenos Aires sotto gli obiettivi delle telecamere: ogni politico, con mascherina bianca e guanti blu, prende in mano un panetto di polvere bianca e la tira nel forno, dichiarando vittoria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Fox: troppe chiacchiere, poco giornalismo

prev
Articolo Successivo

“Regeni, altro che verità, Londra pensa agli affari”

next