Nel 2009, dopo il successo di Gomorra, ci pensò su Matteo Garrone. Con un occhio alla realtà mediatica di Vallettopoli, e l’altro che si sarebbe momentaneamente dischiuso su Fabrizio Corona, ritenne di votarsi “alla storia di una ragazza che attraversa certi ambienti del nostro paese, un po’ come l’Adriana di Io la conoscevo bene”. Soprassedette, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La complicità coi preti pedofili

prev
Articolo Successivo

Cechov, cornuto e mazziato: la moglie perse il figlio non suo

next