È metà pomeriggio quando il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio lascia la nave Diciotti. Era salito a bordo – dopo una riunione preliminare con i colleghi di Catania – per poter verificare di persona le condizioni dei 177 migranti a bordo. Passano pochi minuti e arriva la vera novità della giornata: l’ipotesi di reato è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Maltempo in Toscana, un cartello stradale si abbatte sulla Firenze-Pisa-Livorno

prev
Articolo Successivo

Gli “ostaggi” a bordo, polizia e arancini sul molo

next