All’inizio fu il Manifesto. Quello sottoscritto da numerosi scienziati e docenti universitari che – sotto l’egida del Ministero della Cultura – fissa i punti fondamentali del fascismo sulla razza. È il 14 luglio del 1938 e su Il Giornale d’Italia appare il documento “Il fascismo e i problemi della razza”. Al punto 6 si stabilisce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Leggi razziali, Liliana Segre: “Espulsa da scuola perché ebrea. Così scoprii di essere ‘diversa’”

prev
Articolo Successivo

Dentro il Paese delle frontiere

next