“Voi gridavate cose orrende e violentissime, e voi vi siete imbruttiti. Io gridavo cose giuste, e ora sono uno splendido quarantenne”. Quanta ragione e lungimiranza manifestava 25 anni fa il Nanni nazionale, con quel Caro diario amato all’unanimità. Ancorché (e indiscutibilmente) splendido, domani il cineasta romano compie 65 anni ed è bello festeggiarlo con una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Hai più di cento paia di scarpe? Per l’Oms soffri di “accaparramento compulsivo”

prev
Articolo Successivo

È finita la fiera: i sogni

next