Il racconto

“Sono precipitato, ma sono vivo”. Si scava ancora tra le macerie

I sommersi e i salvati - La pioggia, un lampo accecante e poi il gigantesco pilone collassa. 26 le vittime accertate, tra cui un bambino

Di F. Sa.
15 Agosto 2018

“Il vuoto mi ha inghiottito. Stavo guidando e all’improvviso ho sentito l’auto diventare leggera, ho visto la strada precipitare e io le sono andato dietro. Nel vuoto. Per decine di metri. Tutti gli air bag si sono aperti, ho sentito un botto pazzesco e mi sono ritrovato lì, incastrato nell’arcata del ponte”. Davide Cappello, 33 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.