Si guarda a destra del comodino e ci sono libri. Si guarda a sinistra del divano e ci sono libri. Sono tutti quelli accumulati durante l’inverno e in attesa di essere letti in vacanza, sotto l’ombrellone, in campagna o al lago. Del resto, ce lo ripetono compulsivamente da quando affollavamo i banchi scolastici che in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il vangelo secondo Matteo (Salvini), paradossi del cristianesimo che odia

prev
Articolo Successivo

La via Crucis di Paola: figlia, madre, puttana e assassina

next