Mentre spopolano app e social per incontri a luci rosse, a Rimini le prostitute vanno in controtendenza e ritornano ai biglietti da visita. Stampati ad hoc con tanto di indirizzo che portano ad appartamenti nelle limitrofe vie del lungomare e prestazioni offerte. Spaventate dalla recente ordinanza emanata dal sindaco Andrea Gnassi, che prevede fino a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Cuadernopoli”, scandalo da 3 miliardi di dollari

prev
Articolo Successivo

Mamma “no vax” si vantava di aver falsificato i certificati dei figli: l’asilo la denuncia

next