In quello che veniva preannunciato come il giorno più difficile di Ryanair, con lo sciopero in cinque Paesi europei, la compagnia irlandese ha dovuto cancellare circa un sesto dei voli programmati ieri: poco meno di 400 su un totale di 2.400, con 55 mila passeggeri coinvolti. Nei giorni precedenti, il vettore low cost aveva comunque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Aifa si allarga e sogna il grattacielo all’Eur

prev
Articolo Successivo

Manca il sussidio, ma c’è già la guida

next