Un semi dittatore con un’idea tutta personale della politica monetaria, un’inflazione che galoppa, e un grave dissidio con gli Stati Uniti. Sono questi gli ingredienti del crollo della lira turca. Un fenomeno che si sta trasformando in una crisi finanziaria che supera i confini del Paese orientale. Ieri la lira è scesa del 14% contro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tagli e riforme: in Francia boom di dimissioni dei sindaci

prev
Articolo Successivo

Il Santone del “falso”, tutta l’America vuole il verbo di Jones

next