Le offese e gli spari di una settimana fa contro un migrante di Vicofaro (Pistoia) sono stati una “bravata” di due ragazzini di 13 anni. E per motivare il loro gesto sconsiderato i due minorenni hanno utilizzato la tesi della “goliardata”, come avevano fatto anche i tre ragazzi torinesi di 19 anni che la sera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Diplomati magistrali, 7mila maestre perderanno il contratto ma ci sarà un concorso per ottenere il posto fisso

prev
Articolo Successivo

Caporalato a Verona: sei arresti, anche un medico

next