Un sistema di sfruttamento dei lavoratori, in gran parte di origine africana e privi di documenti – ma anche italiani assunti in nero – con la complicità di un medico del lavoro. È quanto scoperto dalla Guardia di finanza in provincia di Verona, dove ieri sono state arrestate sei persone nell’ambito di un’indagine sul caporalato. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La “goliardata”, l’ultima moda del “dàgli al negro”

prev
Articolo Successivo

Mail box

next