Chi avesse seguito l’anno scorso il rimpallo di accuse tra Consob e Banca d’Italia durante le audizioni della Commissione parlamentare d’inchiesta sui crac bancari, ora ha un elemento di valutazione in più: si è capito, almeno per quanto riguarda Banca Etruria, chi faceva il furbo. Come stanno le cose lo ha stabilito, almeno per ora, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Giglio magico sembra la famiglia Passaguai

prev
Articolo Successivo

32 suicidi da inizio anno, ministero e Dap mandano gli ispettori

next