L’inchiesta sui troll russi, ma forse milanesi, che hanno attaccato Sergio Mattarella, ma forse hanno pure condizionato le elezioni, il referendum del 2016 e le guerre puniche riserva ogni giorno sorprese. Ci dice il quirinalista del CorSera che la (casuale) indagine della Procura di Roma per “attentato alla libertà” del capo dello Stato non è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Foa pronto al sacrificio, ma dopo l’estate Il nuovo presidente Rai slitta a settembre

prev
Articolo Successivo

Ulivi, vigne e alberi da frutta. Il caporalato è anche a Nord

next