Come ogni microcosmo umano, anche la Dolce vita aveva i suoi riti e soprattutto i suoi personaggi in commedia. Jimmy il Fenomeno era il clown della Dolce vita. Tutte le sere lo trovavo lì, protagonista volontario attraverso smorfie, gridolini, una fisicità per alcuni quasi molesta. Abbracciava. Stringeva. Saltava addosso. Toglieva ogni diaframma tra lui e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cadaveri e giallo tabacco

prev
Articolo Successivo

Addio Giagnoni, l’uomo con il colbacco

next