Progettare e lavorare senza avere il fiato sul collo dei ribassisti, pronti a far fluttuare i titoli a ogni segno di scontento, rallentamento, o semplicemente a ogni rumor. La provocazione al mondo della finanza non poteva che arrivare da Elon Musk, fondatore e amministratore delegato di Tesla, l’azienda produttrice di auto elettriche più famosa al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

È nato ieri il Nazareno del Tav

prev
Articolo Successivo

Per la “mission impossible” serve uno scardinamento delle regole

next