Premessa necessaria: io vado quasi tutte le estati in vacanza in Oriente ma odio le megalopoli orientali in cui mi tocca (quasi) sempre atterrare e rimanere un paio di giorni. Soffro il caldo umido mescolato al traffico disumano mescolato allo smog mescolato ai clacson (che in India sono il tappeto musicale come i grilli nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Internet delle cose: il mercato in crescita dell’iperconnessione

prev
Articolo Successivo

La confessione di Pacciani: guardone sì, assassino no

next