Emendamenti ad hoc, forzature regolamentari e una nuova legge elettorale: nei suoi ultimi giorni da presidente dell’Abruzzo Luciano D’Alfonso fa di tutto per preparare il terreno in vista delle elezioni anticipate in Regione, necessarie dopo che la Giunta del Senato – com’era ovvio – ha dichiarato incompatibili le sue cariche di governatore e di senatore. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il fuoco devasta la California. Brucia un’area grande come L.A.

prev
Articolo Successivo

3 commissioni per il “decreto-arrosticino”

next