Milano, Torino e Cortina, “Mi-To-Co” 2026: la candidatura dell’Italia alle Olimpiadi invernali è diventata uno strano mostro a tre teste, che moltiplica tutti i problemi per il numero delle città ospitanti. Ma non si può dire che la colpa sia tutta del Coni di Giovanni Malagò, che ha seguito le indicazioni del governo: la politica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un’opera senza fondo per “salvare” la Laguna

prev
Articolo Successivo

“Incostituzionale cedere motovedette alla Libia”

next