Il giorno dopo il super vertice economico a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Conte, è il vicepremier Luigi Di Maio a tracciare alcuni punti fermi nell’azione dell’esecutivo in vista della prossima legge di Bilancio, una manovra da almeno 20-22 miliardi. “Non c’è bisogno di nessuno strappo con l’Unione europea”, ammette Di Maio in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)