Il settimanale francese Closer rivela che Alexandre Benalla, ex bodyguard di Macron, era iscritto a Tinder, l’applicazione per incontri. Il risvolto piccante è che le foto pubblicate sulla app lo ritraevano proprio vicino al presidente francese. Una scelta fatta per farsi bello nei confronti di eventuali prede, ma decisamente fuori luogo. Benalla viene accusato di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Inchiesta Lega: l’Anm difende la Procura genovese dal ministro Salvini

prev
Articolo Successivo

La chiave di svolta

next