Per rompere un silenzio di anni ha scelto Martin Chulov, corrispondente veterano del Guardian dal Medio Oriente. Alia Ghanem lo ha ricevuto nella sua casa di Jedda, in Arabia Saudita, per un lungo, intimo colloquio sul suo primogenito. Alia è la madre di Osama bin Laden. Nelle foto che accompagnano l’articolo appare come una settantenne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un’anatra zoppa alla guida della tv pubblica

prev
Articolo Successivo

La legge che manda la democrazia in vacanza

next