Il 2 agosto a Bologna riapre ogni anno ferite che non riescono a cicatrizzarsi. Di solito, i politici e gli esponenti del governo che vengono a commemorare la strage della stazione e a fare promesse sono criticati e fischiati. Perché sulle stragi, come dice Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione famigliari delle vittime, “non ci sono misteri, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

E Renzi restò con 600 euro l’anno

prev
Articolo Successivo

I neuroni specchio dei due Matteo

next