Una confidenza e tre pensieri. La confidenza: confesso il mio turbamento. Ero scettico sulle basi giuridico-penali del processo sulla trattativa Stato-mafia. Pensavo che: a) in quella drammatica e cruenta congiuntura, ci potesse stare che, chi a vario titolo portava responsabilità istituzionali, si interrogasse su come porre fine alla strategia stragista di Cosa nostra e potesse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vertici Rai. L’atteso “cambiamento” passa per le poltrone da occupare?

prev
Articolo Successivo

Musei gratis, è finita la propaganda

next