Parto con una buona notizia: questo è sì un pezzo sul nuovo Apple Store di Milano, ma nelle 5000 battute a seguire non troverete mai l’aggettivo “visionario” associato a Steve Jobs. Io, al posto vostro, troverei questa scelta di rottura una buona ragione per proseguire la lettura. Dunque. Sono andata a vedere il nuovo santuario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vignettista, se tocchi il capo supremo muori

prev
Articolo Successivo

“L’allarme bomba in sala, la cena a casa Vianello e il nostro no a Berlusconi”

next