Di Monica Rossi, fino all’intervista di mercoledì, sapevamo due cose: le sue pregevoli ricerche antropologiche sulle pratiche di integrazione e controllo in ghetti come quello del Casilino 700 – chiuso vent’anni fa – e il raddoppio (probabilmente sacrosanto) del suo compenso da consulente di Roma Capitale. Oggi sappiamo anche che la Giunta Raggi e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ceuta, 600 migranti scavalcano il confine

prev
Articolo Successivo

Verdini e la nomina (saltata) del giudice. “Ne parlò con Lotti”

next