Un’esplosione ha creato allarme, ieri mattina intorno alle 13, ora di Pechino, all’ambasciata Usa: secondo la polizia, era una bomba carta, o forse un petardo, comunque un ordigno artigianale, esploso nelle mani di un giovane di 26 anni che s’apprestava a lanciarlo contro la sede diplomatica. L’uomo, originario di Tongliao, nella Mongolia esterna, e identificato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Imran Khan, dal cricket alla poltrona di premier

prev
Articolo Successivo

Cnn, non ti sopporto più: quando il reporter manda in tilt il sistema

next