Matteo Renzi si è dimesso dalla segreteria del Pd, ma Francesco Bonifazi è rimasto tesoriere. Va detto che non era obbligato ad andarsene: il suo mandato dura quanto l’Assemblea, cioè fino al nuovo congresso. D’altra parte, chi tiene la cassa in un partito è tutt’altro che un dettaglio: il suo predecessore, Antonio Misiani, non se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini, il piano-rimpatri: altri 400 posti nei centri

prev
Articolo Successivo

Caro Saviano, essere contro non significa parlare contro

next