La Grecia brucia. Stavolta non metaforicamente: l’Attica va in fumo incenerendo alberi, case e persone, la disgrazia s’accanisce su un Paese prostrato da otto anni in cui è stato trasformato in un esperimento sociale a cielo aperto. Ieri, però, sulla prima di Repubblica abbiamo scoperto che il danno s’aggiunge alla beffa come mandato dalla provvidenza: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Chievo resta in A per un vizio di forma

prev
Articolo Successivo

testatina

next