Ieri il ministro dell’Economia Giuseppe Tria si è esibito alla Camera in un lungo question time interpretando con un certo garbo la parte del gran cancelliere Antonio Ferrer: “Adelante, Pedro, si puedes… adelante con juicio”. L’ambivalenza del personaggio manzoniano è la dannazione dell’economista che oggi siede a via XX settembre: ministro del cambiamento, sì, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

“Bene le Bcc, sulle banche basta autogol”

next