Dopo un mese di stop obbligato, la nave Aquarius di Medici Senza Frontiere è pronta a tornare nello scenario del Mediterraneo alla ricerca di profughi sui barconi da salvare. Un grattacapo in più per il ministro degli Interni Matteo Salvini e per il personale della Guardia costiera libica, alle prese, nelle ultime settimane, con le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Migranti, la confessione dei libici: “Primo soccorso in mare? Non siamo addestrati”

prev
Articolo Successivo

Open Arms denuncia Tripoli e Roma. Il Viminale e Toninelli attaccano

next