Èsufficiente leggere gli interrogatori resi alla polizia dai migranti sbarcati in Italia per scoprire l’orrore dei campi di detenzione in cui uomini, donne e bambini sono torturati prima dell’imbarco. Se i “signori del traffico” sono fantasmi, i loro mediatori lo sono meno. La rotta dei migranti è costellata di questi personaggi di cui, in molti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

Migranti, la confessione dei libici: “Primo soccorso in mare? Non siamo addestrati”

next