Gli atti ufficiali per le tante (troppe?) candidature dell’Italia alle Olimpiadi invernali del 2026 sono arrivate. Quasi scontato quello di Milano, molto meno per Torino, dove Chiara Appendino ci ha messo mesi per sedare la rivolta interna dei consiglieri anti-Giochi. Alla fine si sono convinti tutti (o quasi: due erano assenti) e anche il Movimento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Diritto di asilo, l’Europa deferisce l’Ungheria alla Corte di Giustizia

prev
Articolo Successivo

Che gaffe al Tour: la polizia travolge Nibali

next