Sin dal lontano 1046 nessuna donna è ammessa sul Monte Athos. Il territorio è amministrato da un collegio di venti monaci più un governatore e il rigido divieto è tutelato da uno statuto speciale concesso alla Repubblica Monastica del Monte Athos. Ma oggi esiste un luogo in cui anche gli uomini sono stati interdetti, anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“In Jugoslavia urlai ‘Breznev boia!’ E tutti risero. Di me”

prev
Articolo Successivo

Quel ramo del Lago che tende alla siccità

next