Qualche sera fa a In Onda, lo scrittore Gianrico Carofiglio ha affettuosamente tirato le orecchie a Maurizio Martina – non più segretario reggente, ma probabilmente pro tempore – per gli imperdonabili errori di comunicazione compiuti dal precedente governo. Voi obietterete: perché occuparsi di un partito che conta come il due di coppe quando briscola è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Assia montanino e i cliché da medioevo

prev
Articolo Successivo

Benalla, il braccio violento della legge che inguaia Manu

next