La storia della famigerata “manina” che ha infilato previsioni negative sugli effetti del decreto Dignità nella Relazione tecnica del governo sul provvedimento è ormai una pochade in cui tutti finiscono cornuti e mazziati. Come si ricorderà l’Inps ha fornito al ministero del Lavoro una stima (spannometrica) sugli effetti della riduzione del limite massimo di utilizzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Consob, il capo “distaccato” è nel mirino di M5S e Lega

prev
Articolo Successivo

Csm, i partiti mandano gli avvocati dai magistrati

next